Storia e Folklore Calabrese
di Domenico Caruso



Indice

Storia della Calabria

Poesia dialettale

S.Martino: un paese e un Santo

Fatti straordinari in Calabria

Ricordi di scuola

L'autore

Lettere e contributi

La nostra Piana

Da libri, giornali e riviste

Folklore calabrese

La donna calabrese: ieri e oggi

Jettatura e malocchio in Calabria

Quarant'anni di tradizioni popolari

La licantropýa

S. Elia e il diavolo

Dizionarietto dialettale della Piana di Gioia Tauro

Canti popolari calabresi

Dalla Quaresima alla Pasqua nella Piana di Gioia Tauro

Calabresella mia

Pietro e il Divino Maestro

"Sorella Morte, non mi fai paura!"

Aneddoti e arguzia popolare

Indovinelli calabresi

San Giuseppe, ieri e oggi

Detti pisani e calabresi a confronto

Li belli festi e li belli Natali

'U riv˛ggiu da Passioni

Li molti vuci

'A mugghjeri

I "Giganti" di S. Martino

Folklore calabrese

Indovinelli calabresi

L'indovinello Ŕ un breve componimento dalle origini remote che ha lo scopo d'intrattenere piacevolmente amici e familiari.
Si trovano validi esempi persino nella Bibbia e si rivela molto suggestivo quello ellenico che riproponiamo.
La Sfinge, che si pu˛ ammirare nel deserto di Gizeh ai piedi delle piramidi, rappresenta un leone accovacciato con il volto del Faraone Chefren. L'imponente mostro, scolpito sulla roccia, Ŕ simbolo di virilitÓ e di potere.
Dall'antico Egitto la Sfinge pass˛ nel mondo medioasiatico, diffondendosi fino all'ambiente minoico-miceneo.
In Grecia assunse una forma femminile e alata. La mitologia la vuole figlia del serpente Echidna e di Tifone, inviata da Era su un'altura nelle vicinanze di Tebe per punire il re Laio che aveva sedotto Crisippo figlio di Pelope.
Qui la Sfinge imponeva ai viandanti un indovinello: "Qual Ŕ l'animale che al mattino cammina con quattro gambe, a mezzodý con due e a sera con tre?". (L'uomo).
Se i malcapitati non riuscivano a rispondere venivano divorati dal mostro. Soltanto Edipo riuscý a risolvere l'enigma e la Sfinge, adirata, ritenendo ormai inutile la sua esistenza, si lanci˛ dalla rupe uccidendosi.
Per aver liberato la cittÓ da quel pericolo, i tibetani riconoscenti offrirono a Edipo il trono e la mano della regina Giocasta.
I Romani, successivamente, tennero in molta considerazione l'aenigma, ovvero l'indovinello, che continu˛ a diffondersi dappertutto.
Tramandati dai nostri avi, sono numerosi i "'nduvinagghi" che abbiamo raccolto a S. Martino di Taurianova (Reggio Cal.) e che figurano - talvolta con variazioni - negli altri paesi della Piana di Gioia Tauro.
Ne riportiamo alcuni.


    1 - Bellu a vidýri, bellu a 'ccattari1,
    lu lýnchiu2 di carni e lu lasciu stari.
    'A nedu (L'anello)

    2 - Sutta o' ponti di bell'acqua
    'nc'Ŕ 'na donna crimentina,
    'nci l¨cinu l'occhi comu 'na gatta:
    fýgghiu di rre cu' l'indovina.
    'A 'ngida (L'anguilla)

    3 - Cu' lu fa', lu fa' pe' výndiri,
    cu' lu 'ccatta3 non 'nci servi,
    cu' 'nci servi no' lu vidi.
    'U tambutu (La bara)

    4 - Nasci grandi e mori pýcciula.
    'A candila (La candela)

    5 - Virdi nasci, virdi pasci, virdi mori.
    'U citrolu (Il cetriolo)

    6 - Haju 'na tafareda4 di cerasi5,
    'a sira 'i menti e 'a matina 'i trasi.
    'U celu stidatu (Il cielo stellato)

    7 - Omani e omani si fa,
    fýmmani e omani puru,
    fýmmani e fýmmani no.
    'A cumpessioni (La confessione)

    8 - Oh chi mamma sbenturata,
    fa' li fýgghi tra li spini,
    cu' la testa 'ncurunata,
    ricamata di rubini.
    'U ficadýndiu (Il fico d'India)

    9 - Quandu 'u patri nasci, 'u fýgghiu fuj6.
    'U focu e 'u fumu (Il fuoco e il fumo)

    10 - Janca muntagna e nigra simenza7,
    'u mastru chi la fa sempri ci penza.
    'A lýttara (La lettera)

    11 - Su' signora d'artu palazzu,
    janca su' e nigra mi fazzu,
    cadu 'n terra e no' m'ammazzu,
    vaju 'n chiesia e luci fazzu.
    'A liva e l'˛gghiu (L'oliva e l'olio)

    12 - Si guarda cu' l'occhi e non si tocca cu' 'i mani.
    L'umbra (L'ombra)

    13 - Supra 'na cýpiti cýpiti rrama,
    c'era 'na cýpiti cýpiti acedu8,
    tutta la notti cipitiava:
    cýpiti cýpiti cýpiti rrama.
    'U riv˛ggiu (L'orologio)

    14 - 'U zzi9 'nd˛ndulu si curca, 'a zze 'nd˛ndula cavarca,
    cu' tri parmi 'nci la 'ncarca; jida rrisi10 e jeu 'nci 'a misi
    e se non rridýa non 'ci 'a mentýa.
    'U trip˛di, 'a tiella e 'a pasta (Il treppiede e la pasta che si butta nella
    pentola quando l'acqua bolle)

    15 - Pendýgghiu pendýa, dormýgghiu dormýa,
    cadi pendýgghiu e rispýgghia a dormýgghiu,
    si leva dormýgghiu e si mangia a pendýgghiu.
    'U piru e 'u porcu (La pera e il maiale)

    16 - Nesci cantandu a menzu a du' muntagni.
    'U pýritu (Il peto)

    17 - Cala rridendu e 'nchiana ciangendu.
    'U bbagghi˛lu 'nto puzzu (La secchia nel pozzo)

    18 - 'Nc'Ŕ 'na cosa longa e storta
    chi a tuttu 'u mundu porta.
    'A strata (La strada)

    19 - Can¨sciu tri frati, tutti 'i tri dannati.
    'U trip˛di (Il treppiede)

    20 - SÓcciu 'na cosa chi si chiama Rosa,
    rosa non Ŕ: indovina chi jŔ?


(Ampi servizi di Domenico Caruso sull'argomento sono stati pubblicati su "Calabria Letteraria" - Soveria Mannelli CZ - Anno XLV n. 1/3 Gennaio-Marzo 1997; su "StoricittÓ" - Lamezia Terme CZ - Anno IX n. 90 - Sett. 2000 e n. 91 Ott./Nov. 2000, nonchÚ su altre riviste).


1 Comprarsi -
2 lo riempio -
3 l'acquista -
4 cesta -
5 ciliegie -
6 scappa -
7 seme -
8 uccello -
9 zio -
10 ha riso -


Si autorizza la pubblicazione su Internet dei contenuti del presente sito, previa esplicita citazione della fonte.

Copyright ę 1996 Domenico Caruso